This time Giulio has a question for you: Is Coming Out a private matter or not?

Hi guys, here is a new blog!

This time I have a question for you and I would like to discuss with you:

Is the Coming Out a privacy question or not?

Of course, there are different point of view for each country of Europe and the rest of the world. That’s why I’m interested to go through this topic and to know your opinion.

In Italy the situation is miserable. People are afraid to come out because of the social opinion regarding LGBT community (freaks, monsters, etc). VIPS and show stars use to hide their sexuality or worse; they lie. This increase ignorance, fear and homophobia.

People think that the things will change by itself somehow, day by day, and in the meanwhile they continue to hide themselves. This is crazy! I mean, it’s our own responsibility to change things; no one will save us if we do nothing to make it happen.

When I won Mister Gay Italy, I gave a message for VIPS and politicians: «Come out, come out, wherever you are».

The same words that Harvey Milk, American LGBT Movement’s father, said during one of his last speeches. He also said: «Privacy is our enemy». I agree with him.

Probably, in an open minded country, things are different. People don’t need to come out because they don’t need to hide anything and the others have nothing to learn about LGBT culture. In a country like that, privacy is allowed, it’s not an enemy.

That’s my personal opinion but I’m curious to know if it is right talking with someone who lives there.

Personally, if I was any young boy, girl or trans of my country I would shout out my sexuality in order to make everybody know the truth: who and how we are. Knowledge is the key of every emancipation, even ours.

Please send me your thoughts to giulio@mrgayeurope.com

LOVE,
Giulio
Mr. Gay Europe 2010/2011

ITALIANO:
Ciao ragazzi, ancora un nuovo blog!
Questa volta ho un quesito di cui vorrei discutere con voi. La domanda è:
Dichiararsi è una questione di privacy o no?
Naturalmente esistono diversi punti di vista per ogni paese d’Europa e del resto del mondo. È per questo che sono interessato ad approfondire questo argomento e sapere quali sono le vostre opinioni.
Qui in Italia la situazione è desolante. La gente ha paura di dichiararsi a causa del parere che la società ha della comunità LGBT (freak, mostri, ecc.). I VIP e le star regolarmente nascondono la propria sessualità o peggio: mentono.
Questo modo di fare alimenta l’ignoranza, la paura e l’omofobia.
La gente pensa che le cose cambieranno in qualche modo, giorno dopo giorno, e nel frattempo continuano a nascondersi. Questo è pazzesco! Voglio dire, è nostra responsabilità cambiare le cose, nessuno ci salverà se non facciamo nulla per farlo accadere.
Quando ho vinto Mister Gay Italia, ho lanciato un messaggio a vip e politici: «Dichiaratevi, dichiaratevi, ovunque voi siate».
Le stesse parole che Harvey Milk, padre del Movimento LGBT americano, ha detto durante uno dei suoi ultimi discorsi. Ha anche detto: «La privacy è il nostro nemico». Sono d’accordo con lui.
Probabilmente, in un Paese dalla mentalità aperta, le cose sono diverse. Le persone non hanno bisogno di dichiararsi perché non hanno bisogno di nascondere niente e gli altri non hanno nulla da imparare sulla cultura LGBT. In un Paese di quel tipo, la privacy è lecita, non è un nemico.
Questa è la mia opinione personale, ma sono curioso di sapere se è giusta parlandone con qualcuno che vive lì.
Personalmente, se fossi un ragazzo, ragazza o trans del mio Paese griderei la mia sessualità al fine di far conoscere a tutti la verità: chi e come siamo.
La conoscenza è la chiave di ogni emancipazione, anche della nostra.
Vi prego di inviarmi i vostri pensieri a giulio@mrgayeurope.com
Con affetto,
Giulio
Mr. Gay Europe 2010/2011

Pin It on Pinterest

Share This